Home / News / Pillole dal mondo

Pillole dal mondo

Inghilterra

LONDON, ENGLAND - JUNE 03:  Pippa Middleton and James Middleton aboard the Spirit of Chartwell during the Diamond Jubilee Thames River Pageant on June 3, 2012 in London, England. For only the second time in its history the UK celebrates the Diamond Jubilee of a monarch. Her Majesty Queen Elizabeth II celebrates the 60th anniversary of her ascension to the throne. Thousands of well-wishers from around the world have flocked to London to witness the spectacle of the weekend's celebrations. The Queen along with all members of the royal family will participate in a River Pageant with a flotilla of a 1,000 boats accompanying them down the Thames.  (Photo by Chris Jackson/Getty Images)

Sei gay? Dillo con un marshmallow!
James Middleton, sì proprio lui il fratello di Kate e cognato del principe erede al trono William, si presenta sul mercato dolciario con una scatola di dolcetti che svela ad amici e parenti il proprio orientamento sessuale. “Questi messaggi stampati sui pasticcini rendono più dolce un annuncio che di solito è snervante”, ha dichiarato James che da pochi mesi ha fondato la Boomf, l’azienda che produce i curiosi marshmallow marchiati con dei messaggi ironici che aiutano a fare coming out. La confezione contiene nove dolci con frasi impresse del tipo: “Sono troppo carino per essere etero” oppure “Non ho scelto di essere gay, è stata solo fortuna”. Mentre ci domandiamo se ce ne fosse davvero bisogno, ci chiediamo anche chi è disposto a spendere venti euro per un prodotto del genere?

 

Beverly Hills
Paris-Jackson-2Uno smoking per Paris Jackson
Per tutte le ragazze il ballo di fine anno rappresenta il momento culmine per sfoggiare tutta la femminilità di parere contrario la diciottenne Paris Jackson, figlia dell’indimenticato Re del pop Michael, che all’evento si è presentata accompagnata da una donna e sfoggiando un outfit che ha stupito tutti: capelli corti celesti, cravatta in tinta e smoking. Un look androgino a tutti gli effetti e una compagnia che ha alimentato più di qualche chiacchiera. Sui canali social Paris scrive di continuare a far coppia e di essere innamorata del suo fidanzato, il bassista del gruppo punk californiano Street Drum Corps, Michael Snoddy. Questo stile androgino ha subito conquistato la comunità lgbt americana battezzando la giovane nuova eroina antigender.

 

Manchester
Carl-Austin-Behan_129250095_5783609_1706x960Il nuovo sindaco? Un gay dalle molteplici esperienze
Carl Austin-Behan è stato nominato sindaco di Manchester, una delle principali città della Gran Bretagna, ma nel suo passato non c’è stata sempre la politica: negli anni della “Don’t Ask Don’t Tell” l’aeronautica britannica l’ha discriminato ed espulso perché omosessuale. Vista la stazza il mondo della moda gli ha aperto le sue porte e tolti i panni militari e abbandonati quelli da fotomodello è arrivato lo scettro di Mister Gay del Regno Unito. Dopo l’elezione a Londra di Sadiq Khan, musulmano di origine pakistana e di logica conseguenza figlio di migranti, questa nuova nomina segna la storia della politica britannica e riafferma lo status della città come “capitale della tolleranza e del rispetto”. Durante un’intervista al Manchester Evening News Carl ha detto: “Sono stato per molti anni consigliere comunale, ho deciso di candidarmi a sindaco perché pensavo fosse il momento giusto per accogliere un Primo Cittadino dichiaratamente omosessuale. Questo è a tutti gli effetti un riconoscimento per la comunità lgbt”.

 

Kirk
Pastori-gayArriva il sì per i Pastori gay
A Kirk, la Chiesa presbiteriana di Scozia, con 339 voti favorevoli e 215 contrari ha votato a favore del provvedimento che permette ai Pastori di potersi sposare con un partner dello stesso sesso. Ma è una vittoria a metà visto che al momento ogni congregazione avrà la possibilità di decidere  autonomamente (perché votare allora?). Lo scontro è aperto e vede protagonisti il clero anglicano, che è disposto ad aprire le porte ad uomini della chiesa gay a patto che giurino astinenza alla vita sessuale omosex, “contro” le Chiese in Galles, da sempre più aperte e liberali su tali temi.

 

Orlando
ORLANDOLa strage
Pare sia di natura terroristica la sparatoria nel night club per gay Pulse, ad Orlando, in Florida, in cui sono morte 50 persone e altre 53 sono rimaste ferite. Inizialmente si è parlato di un attacco omofobo da parte di due uomini disturbati. Poche ore dopo, invece, è arrivata la sedicente rivendicazione dello Stato islamico che attribuisce la strage ad un loro combattente jihadista. Gli investigatori non confermano né smentiscono e riaffermano di non aver trovato alcun collegamento diretto del killer con le diverse organizzazioni terroristiche, ma gli indizi raccolti nella discoteca e le testimonianze dei sopravvissuti spingono in questa direzione. Nel suo discorso alla Nazione Barack Obama ha definito la strage “un atto terroristico, un atto di odio” ed è tornato sullo spinoso argomento che riguarda l’uso delle armi.

 

Kiev
KievPrideSvolta: Gay Pride in centro città
In Ucraina, e più precisamente a Kiev, oltre 700 attivisti per i diritti degli omosessuali hanno sfilato, per la prima volta, nel centro della capitale, reclamando pacificamente i loro diritti. Anche se la marcia è durata soltanto 20 minuti è un passo importante per la comunità lgbt perché le due edizioni precedenti del Gay Pride si sono dovute tenere, forzatamente, tra le mura della periferia della città. In un Paese dove l’omofobia registra picchi molto alti, aizzata anche dall’influenza della Chiesa ortodossa che condanna l’omosessualità con ardita forza, la manifestazione approvata nel cuore del centro abitato ha un’importanza storica e segna uno dei più importanti passi avanti. Significativo lo slogan che ha aperto il corteo: “La vita umana viene prima di tutto e i diritti delle minoranze sono diritti umani”. Ciò di certo non basterà per sradicare anni d’infondato odio, ma è un inizio.

 

Washington
Eric FanningÈ gay il segretario dell’Esercito americano
Sono trascorsi cinque anni da quando la norma “don’t ask, don’t tell”, che proibiva a militari gay e lesbiche di parlare apertamente del loro orientamento sessuale, è stata revocata. Questa legge ha obbligato i militari omosessuali a tenere nascosto il proprio orientamento sessuale e a vivere la loro condizione in assoluta segretezza. Appena caduta la direttiva l’amministrazione di Barack Obama aveva nominato Eric Fanning, gay dichiarato, segretario dell’Esercito, ma per problemi logistici l’incarico non è mai andato in porto. Recentemente il Senato ha confermato, all’unanimità, la scelta originaria presa dal Presidente, segnando così una storica svolta per le forze armate degli Stati Uniti.

About admin

Check Also

harry-quan-486229-unsplash

È orgoglio! Perché partecipare al Pride?

Da fine maggio ai primi di settembre, l’Italia è nettamente travolta dall’onda Pride. Da nord …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *