Home / Cinema / “Festival Mix Milano” Love Riot 33° appuntamento con la migliore cinematografia LGBTQ

“Festival Mix Milano” Love Riot 33° appuntamento con la migliore cinematografia LGBTQ

60 proiezioni, concerti, deejay set, incontri con artisti, registi, scrittori e fumettisti: un esclusivo viaggio nella cultura e nell’espressione cinematografica e audiovisiva LGBTQ+ contemporanea. Tra gli ospiti e le ospiti Michela Murgia, Giuliana De Sio, Letizia Battaglia, Armando Praça, Nina Zilli, Natalia Aspesi, Nando dalla Chiesa, Fabio Canino, Enrico Masi, Cheng-Chui Kuo

 

Festival MIX Milano - Conferenza Stampa
Andrea Ferrari, Debora Guma, Filippo Del Corno, Rafael Maniglia, Priscilla Robledo

A cinquanta anni esatti dai moti di Stonewall, si apre all’insegna di Love Riot l’edizione 33 del Festival Mix Milano di Cinema GayLesbico e Queer Culture, in cartellone dal 20 al 23 giugno al Piccolo Teatro di Milano, nella doppia location del Teatro Strehler e del Teatro Studio Melato. Un appuntamento milanese dall’impatto nazionale per conoscere e incontrare opere e protagonisti della migliore cinematografia e produzione audiovisiva LGBTQ+ nazionale e internazionale.

Un evento culturale diretto da Andrea Ferrari, Debora Guma e Rafael Maniglia, che raccogliere attorno a sé decine di partner e sostenitori e soprattutto un pubblico numerosissimo – oltre 8500 presenze solo lo scorso anno – con un esclusivo programma di oltre sessanta titoli in gara, tantissime anteprime, incontri, ed eventi speciali, ospiti, momenti di musica, di spettacolo e di riflessione.

Due presidenti di giuria, Michela Murgia, Presidente della Giuria dei Lungometraggi e Cristina Piccino, Presidente della Giuria dei Documentari, per una selezione di opere capace di offrire – tra piccole e grandi Storie provenienti da tutto il mondo – un ritratto della società di ieri, di oggi e di domani con uno sguardo aperto alla sempre necessaria difesa dei diritti civili e delle diversità.

Per quattro giorni gli splendidi spazi interni ed esterni del Piccolo Teatro si trasformano nel luogo dell’incontro, nello spazio delle grandi visioni e scoperte visitato anche da special guest, tra cui Giuliana De Sio, incoronata venerdì 21 giugno Queen of Comedy e Nina Zilli, insignita domenica 23 giugno del titolo di Queen of Music.

Sempre in tema di riconoscimenti a figure dello spettacolo, della cultura e della società civile che si sono particolarmente distinte nella loro attività professionale e personale nell’affrontare le tematiche LGBTQ+, nella serata inaugurale del 20 giugno sarà consegnato il Riconoscimento MORE LOVE alla giornalista Natalia Aspesi, una delle firme più prestigiose del giornalismo italiano, che per lunghi anni, con la sua rubrica “Questioni di cuore”, ha dato voce agli amori, anche LGBTQ+ in tempi lontani dalle recenti conquiste, offrendo un luogo accogliente e scevro da pregiudizi per la comunità omosessuale ma anche uno spazio di formazione per la diversità per tutti i lettori e le lettrici.

Coraggio e impegno civile sono al centro anche dell’incontro con Letizia Battaglia e Nando dalla Chiesa, realizzato in collaborazione con l’associazione Libera, venerdì 21 giugno, in occasione della proiezione del documentario Shooting the Mafia di Kim Longinotto.

Ospiti, eventi e soprattutto grande cinema fin dalla serata di apertura del 20 giugno del Festival MIX Milano con l’anteprima italiana di Greta, film rivelazione dell’ultima Berlinale diretta dal regista brasiliano Armando Praça che sarà presente in sala.

Fra le altre anteprime, attesissima quella di XY Chelsea, documentario sulla vita di Chelsea Manning, nata Bradley, la whistleblower di Wikileaks che fece tremare il Pentagono.

Applauditissimi al Festival di Cannes 2018, la favola gitana Carmen y Lola, nelle sale italiane il 27 giugno, Plaire, aimer et courir vite (Sorry Angel) del regista di culto Christophe Honoré e il primo film lesbico keniota Rafiki messo al bando in patria perché “promuove il lesbismo” in violazione delle leggi del Kenya e che sta riscuotendo un grande successo in tutto il mondo.

E ancora tra i documentari, l’intenso Shelter di Enrico Masi sull’odissea verso l’Europa di una rifugiata transessuale, l’anteprima italiana di Fabulous sulla star del voguing internazionale Lasseindra Ninja, ballerina professionista transgender e l’omaggio alla pioniera del cinema queer Barbara Hammer, recentemente scomparsa, con la proiezione del suo Nitrate Kisses.

Nella ricchissima sezione cortometraggi, invece, il divertente Pepitas con protagonista un bravissimo Lino Guanciale nei panni di un giovane precario che di giorno vive con la madre e la nonna (Ariella Reggio) mentre di notte si trasforma in una trasgressiva drag queen.

Grande schermo ma anche piattaforme online, con l’anteprima assoluta fuori concorso di Un uomo con la T maiuscola prima mini-serie originale realizzata da Freeda per il suo canale YouTube, storia di un ragazzo trans che ha intrapreso da poco il suo percorso di transizione.

Miglior Lungometraggio, Miglior Documentario e Miglior Cortometraggio non saranno i soli Premi assegnati durante il Festival MIX Milano. La selezione ufficiale sarà infatti sottoposta al giudizio del pubblico che potrà eleggere il Miglior Lungometraggio 2019 attraverso “Festival Mix Milano”, l’APP ufficiale del Festival disponibile per smartphone e tablet.

Novità assoluta di questa edizione il Premio “Cielo Festival Mix” che il canale Cielo assegnerà a uno dei lungometraggi in concorso, in palio l’acquisizione del film e la messa in onda sul canale Cielo.

Tra i media partner Sky che sosterrà il festival con una programmazione dedicata alle tematiche di inclusion in onda su Sky Cinema e Sky Arte.

Si rinnova inoltre il Premio MIX laF al miglior documentario in concorso, in palio la messa in onda del doc vincitore sul laF – tv del Gruppo Feltrinelli (canale 135 Sky).

Confermata anche la media partnership con il magazine Cultweek diretto da Maurizio Porro, che assegnerà un riconoscimento ad uno dei lungometraggi in concorso.

Tra le collaborazioni istituzionali, si segnala l’Omaggio al Cinema del Canada organizzato in collaborazione con l’Ambasciata del Canada in Italia, la Delegazione del Québec a Roma, le Giornate del cinema quebecchese in Italia e Air Canada, e la sezione speciale dedicata al cinema made in USA ‘Stonewall50’ frutto della partnership con il Consolato Generale USA.

Anche nel 2019 il Festival può contare su decine di collaborazioni nuove e rinnovate, in primis con ING Italia che per il terzo anno consecutivo sostiene come main sponsor il Festival Mix Milano, a testimonianza del suo impegno sul tema della Diversity & Inclusion.

Quest’anno si affianca al festival lo studio legale Clifford Chance, impegnato da anni nella promozione di un ambiente di lavoro inclusivo e molto attivo da tempo nel supportare numerosi progetti e associazioni a favore della comunità LGBTQ+ e contro ogni forma di discriminazione, sia a livello globale che locale.

Organizzato da Associazione Culturale MIX Milano con il Patrocinio del Comune di Milano e con il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, il Festival è diretto e prodotto da Andrea Ferrari, Debora Guma e Rafael Maniglia insieme a un team di giovani e intraprendenti figure professionali. La selezione dei film a tematica lesbica è realizzata in collaborazione con IMMAGINARIA, International Film Festival of Lesbians and other Rebellious Women. Il Festival MIX Milano è inoltre socio fondatore di Milano Film Network (MFN), la rete che unisce l’esperienza e le risorse dei sette Festival di cinema milanesi.

 

www.festivalmixmilano.com

 

Ufficio Stampa Festival MIX Milano

MONGINI COMUNICAZIONE tel. +39 02 8375427

Michela Giorgini _mb +39 339 8717927_ mgiorgini@monginicomunicazione.com

Andrea Grandi _mb +39 3403656905 _ agrandi@monginicomunicazione.com

About admin

Check Also

Gli anni amari

Gli anni amari

Diventa un film la vita di Mario Mieli: scrittore, tra i primi attivisti italiani gay, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *