Home / Travel / Viaggi di nozze: clima e mete gay friendly

Viaggi di nozze: clima e mete gay friendly

Organizzare un matrimonio è divertente, ma anche piuttosto impegnativo e richiede il dispendio di molte energie. Fortunatamente a rimettere in sesto i novelli sposini dopo il tour de force legato al giorno del sì, ci pensa il tanto atteso e famigerato viaggio di nozze. Attenzione però: per godersi appieno la vacanza è importante sapere quali sono le condizioni climatiche che caratterizzano la meta prescelta in quel determinato periodo dell’anno, soprattutto se avete intenzioni di visitare un luogo situato dall’altra parte del mondo. Già, perché un conto è far fronte ad una leggera pioggerellina e un altro è ritrovarsi nel bel mezzo di un uragano o di una tempesta tropicale. Oltre il meteo è opportuno informarsi sugli usi e i costumi del Paese che volete visitare, ma soprattutto è importante sapere quali sono le normative in vigore che riguardano l’omosessualità e come e se è tutelata la comunità Lgbt. Trattandosi di un viaggio di nozze, supponiamo che desideriate, almeno, dormire nello stesso letto! State pensando ad un viaggio alla scoperta delle metropoli più importanti o desiderate trascorrere delle giornate all’insegna del relax? Preferite il mare o la montagna? Le mete da raggiungere sono così tante e affascinanti che una persona si perde ancor prima di partire! Per questo motivo abbiamo selezionato per voi 10+1 mete tra le più gettonate e in voga del momento, senza però trascurare i diversi, i molteplici e i personali modi d’intendere una vacanza. Amate fare il bagno come mamma vi ha fatto? Girare per città ricche di storia e di cultura? Scrogiolarvi al sole o sciare fino a notte fonda? Eccovi accontentati! A voi non resta che preparare le valigie. P.S. Prima di buttarvi a capofitto in questa fantastica avventura vi consigliamo di tenervi sempre aggiornati consultando il sitoviaggiaresicuri.it della Farnesina (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale). e di cominciare quest’esperienza scegliendo un tour operator o un’agenzia viaggi in linea con le vostre esigenze. Che abbia inizio il vostro viaggio.

Caraibi
da dicembre ad aprile: temperature più basse, giornate ventilate e meno umidità.
agosto e ottobre: tempeste tropicali, temuti uragani, aria molto umida e afosa.
Puerto Rico e le Isole Vergini sono destinazioni particolarmente ospitali verso la comunità Lgbt, mentre la Giamaica, le Barbados e le Isole Cayman non sono dicerto famose per l’accoglienza nei confronti delle coppie dello stesso sesso. In questa triste lista aggiungeteci pure Antigua, Barbuda, Dominica, Grenada, Guyana, Santa Lucia, Saint Kitts, Nevis, Saint Vincent, Grenadine, Trinidad e Tobago. Pur non vigendo delle leggi a favore dei gay non tutte le isole caraibiche sono omofobe, particolarmente friendly sono le oasi di St. Barts (definita l’isola più gay-friendly dei Caraibi) e Curaça che ha incluso campagne di marketing finalizzate al turismo gay che comprendono informazioni su hotel e club gay-friendly; seguono in ordine sparso Saba, St. Martin, Puerto Rico, Aruba, i Caraibi messicani e Cuba.

Canarie/Tenerife
(Fuerteventura, Gran Canaria, Lanzarote, La Palma, La Gomera, El Hierro)
Il clima delle Canarie è mite tutto l’anno: dai 25°C d’estate si passa ai 20°C durante l’inverno; da maggio a settembre. Precipitazioni (nuvole con pioggia) da novembre a gennaio, quantità ridottissime intorno ai 5 cm al mese; da aprile a settembre piogge pressoché inesistenti.
Con le sue numerose spiagge, Gran Canaria è la destinazione ideale per qualsiasi tipo di target; siete pronti ad immergervi in un’eterogeneità più unica che rara?
Maspalomas, Playa del Inglès e in particolare la parte meridionale di Gran Canaria, sono alcune delle mete predilette dal turismo gay di tutta Europa. Qui le temperature che oscillano tra i 18 e 25 gradi nell’arco di tutto l’anno.

Isole Galápagos
Da febbraio a maggio per chi desidera prendere il sole e fare il bagno.
Da luglio a novembre, indicato per chi ama scoprire la natura e la cultura circostante.
Da settembre a novembre per chi soffre di mal di mare.
Le Isole Galápagos sono stupende! Pinguini, leoni marini, foche, fenicotteri e umani vivano insieme pacificamente, non a caso ciò che vi lascerà a bocca aperta è, oltre alla meraviglia del luogo, la mancanza di paura degli animali nei confronti della gente. Ogni isola è famosa per una peculiarità e credeteci sono tutte da scoprire! Qualche esempio? Potrete tuffarvi con gli animali marini o fare un’escursione sull’altipiano alla scoperta del Cratere Nero: la seconda più grande cavità vulcanica del mondo. Le Isole Galápagos stanno lentamente  conquistando la comunità Lgbt internazionale: sono  diverse le crociere dedicate ai gay anche se in loco non vi è presenza di locali rainbow o affini.

Tel Aviv
per i mesi di aprile, di maggio e di ottobre. Da giugno a settembre fa davvero molto caldo, mentre da dicembre a febbraio si alternano giornate piacevoli a giornate un po’ fredde.
Al contrario di quanto si possa pensare a Tel Aviv vige una politica di libertà individuale e tolleranza verso il prossimo. Il merito è da attribuire agli abitanti di questa magnifica e frizzante città che hanno saputo, nel corso degli anni, smussare le discrepanze politico-religiose. Per questo motivo anche nei luoghi e nei locali non prettamente gay sventola la bandiera arcobaleno proprio per rimarcare che lì la discriminazione non è di casa. Proprio a Tel Aviv è presente una delle più importanti spiagge gay friendly del Mar Mediterraneo: Hilton Beach. Almeno una capatina è d’obbligo.

Toronto
da metà maggio a fine settembre. A maggio e all’inizio giugno portatevi un maglioncino.
Toronto è la meta canadese gay per eccellenza e ospita la più grande comunità Lgbt del Canada.
 La città è riconosciuta come una delle più progressiste delle Americhe per via della sua accoglienza e per i tantissimi locali gay sparsi in tutto il territorio. Toronto è una delle rare città che ospita due quartieri gay: Church e Wellesley, contraddistinti da due animi ben differenti. Il primo è famoso per i suoi ristoranti, le diverse librerie, i tanti bar e i teatri; il secondo è rinomato per il suo carattere disinibito e pungente. Chi visita Toronto non può di certo farsi mancare una gita alle Cascate del Niagara. Assolutamente imperdibili!

San Paolo Brasile
da aprile a settembre. Il periodo giugno-agosto è il più fresco e il meno piovoso.
La stagione delle piogge va da ottobre a marzo.
Qui i diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali sono stati quasi completamente equiparati. Sono diverse e differenti le zone Lgbt della città: si passa dal quartiere di lusso Jardins (collocato proprio tra il quartiere finanziario Av. Paulista e la zona della moda R. Oscar Freire) ricco di ristoranti, bar e discoteche; al più easy e vivace Rua Frei Caneca, dove sono presenti moltissimi locali gay. Il gay pride di San Paolo del Brasile è considerato uno dei più grandi del mondo ed è arrivato al suo 22° anno di celebrazione.

New York – USA
stagioni intermedie, per evitare il freddo invernale e il caldo estivo, particolarmente consigliato è il mese di maggio e da metà settembre a metà ottobre. Detto questo siete certi di voler rinunciare alla magia del Natale che nel periodo di dicembre investe la città in tutta la sua magnificenza?
La cultura gay è parte integrante del DNA di New York e la scelta tra diversi ambienti a tema LGBT rappresenta la norma. New York City si distingue per la sua gigantesca e vibrante comunità Lgbt e i quartieri Chelsea, tra la 23th Street e la 30th Street in west side di Manhattan, e il Greenwich Village, quartiere a sud della 14th Street, sono i punti di ritrovo più conosciuti. Il primo ospita negozi di lusso, gallerie d’arte, bar e ristoranti più in; il secondo continua ad essere sede di quei movimenti culturali, artistici e sociali che contribuiscono a modificare la cultura statunitense. Vi ricordiamo che proprio qui nel 1969 all’interno dello storico locale Stonewll Inn ebbe simbolicamente inizio il movimento di liberazione omosessuale a seguito di una retata della polizia all’interno del locale ai danni di un gruppo di ragazzi gay. I giovani stufi di essere presi sotto mira dalle autorità per via del loro orientamento sessuale si sono ribellati dando vita ad una vera e propria guerriglia che durò fino alle 4 del mattino. A parte queste due zone sono molti i locali friendly sparsi per la città e per quanto riguarda la metropoli, non ha di certo bisogno di presentazioni.

Svezia
per chi ama sciare è marzo il mese ideale perché offre giornate più lunghe e temperature più clementi, ma sempre sotto lo zero. Giugno e luglio caratterizzati da giornate più lunghe, con il sole a mezzanotte al nord e le notti bianche al sud. La Svezia è uno dei Paesi più “gay-friendly” d’Europa. Il matrimonio e le adozioni gay sono completamente legali e le persone omosessuali sono protette da leggi anti-discriminazione sul campo del lavoro e dei servizi pubblici. La Svezia è affascinante sotto molti punti di vista ed è per questo che la inglobiamo completamente tra le mete proposte. Attenzione a scegliere il periodo che maggiormente vi affascina perché qui le stagioni contano… e come se contano! In estate, con il sole che sembra non tramontare mai, la gente locale e i turisti si dedicano alla vita nella natura; mentre il rigido inverno apre scenari duri ma allo stesso tempo molto affascinanti come la pesca sul ghiaccio, lo sci e le passeggiate con le ciaspole.

Tokyo
il periodo migliore per un viaggio in Giappone è durante l’inizio della primavera, (marzo/aprile) a inizi maggio, o nel tardo autunno (novembre) quando le precipitazioni non sono abbondanti e le temperature sono molto più accettabili rispetto a quelle rigide invernali o quelle calde e molto umide dell’estate.
Tokyo sta diventando una delle capitali più apprezzate dal turismo omosessuale. Muoversi per la città alla ricerca di locali gay è più difficile del solito poiché i quartieri in realtà sono delle vere e proprie città. A Tokyo ci sono un numero davvero infinito di bar gay, ma la stra-maggioranza dei locali trovano la loro ubicazione nel quartiere Shinjuku Ni-Chome. Altri quartieri gay sono Shinbashi, Ueno e Asakusa. In Giappone l’omosessualità è ben accettata, reperti storici risalenti a più di 250 anni addietro testimoniano che i samurai non solo praticavano il sesso omosessuale, ma lo consideravano come la più alta forma di amore. Considerando che i giapponesi hanno un grandissimo rispetto delle tradizioni e della storia del loro Paese, l’essere gay non è mai stato considerato un “peccato” da parte della società.

Manuel Antonio Park/Costa Rica
a gennaio a metà aprile e in particolare i mesi di febbraio e marzo.
Le leggi anti-discriminazione sono in vigore dal 1999.
Perché l’abbiamo scelta? Per i suoi paesaggi mozzafiato, le stupende spiagge dedicate ai naturisti e il mare cristallino. Il Parco nazionale Manuel Antonio si affaccia sul Pacifico, comprende l’aspra foresta pluviale, spiagge di sabbia bianca e barriere coralline. Per godersi la magia del posto vi consigliamo di scegliere un periodo lontano dall’ondata turistica. Se amate surfare, o volete perlomeno provare a cavalcare qualche onda, questa è la meta ideale.

Palm Springs
a circa sessanta chilometri a est da Los Angeles è un paradiso in cui il sole splende quasi tutto l’anno. A Palm Springs si trova il più grande numero di negozi e di centri solo per donne di tutto il mondo e non a caso la località ospita il “Dinah”, l’evento più importante sulla faccia della terra dedicato all’universo lesbo. Palm Springs è una delle 10 città degli Stati Uniti con la più alta concentrazione di coppie omosessuali (è stato stimato che il 7,2% dei nuclei familiari è costituito da una coppia dello stesso sesso, a fronte di una media nazionale dell’1%). Le temperature sono da capogiro! La media invernale è di 21,9 gradi, in primavera di 31,1 gradi, in estate di 41,3 gradi e in autunno di 32,5 gradi. Verso la fine dell’autunno e l’arrivo dell’inverno, la scena si fa veramente animata, gli appuntamenti sono tanti e tutti particolarmente ricchi di brio. A fine ottobre gli amanti della pelle non possono assolutamente perdersi l’elezione di Mr Leather, considerato uno dei più grandi eventi. a livello nazionale.

Rosy Difato

Viaggi di nozze: clima e mete gay friendly

Viaggi di nozze: clima e mete gay friendly

Viaggi di nozze: clima e mete gay friendly

Viaggi di nozze: clima e mete gay friendly

Viaggi di nozze: clima e mete gay friendly

About admin

Check Also

Destinazione Cuba!

Destinazione Cuba!

Da un’idea innovativa nasce a Milano, negli anni 90, la prima agenzia di viaggi monoprodotto, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *